[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

È sera. Tra poco pioverà. In Uganda è la stagione delle piogge e – come spesso accade durante i temporali – in città staccano la corrente. Poco male: c’è il coprifuoco e ai militari non va a genio chi gironzola dopo cena. Jackson, giornalista della radio locale King FM, lo sta aspettando al bar Da Franklin, come al solito. Il copione è presto detto: Jackson racconta e lui lo ascolta, cerca di prendere informazioni, di farsi un’idea. Senonché – sarà colpa dell’ora tarda, o del maltempo – all’improvviso si cominciano a vedere bambini giungere a frotte e invadere la strada, per poi accucciarsi in un angolo e apparecchiarsi un giaciglio per la notte. Uno spettacolo inquietante, che mette apprensione e sgomento. Lui domanda spiegazioni al suo amico, una cosa così non l’ha mai vista, da nessuna parte del mondo. Alla sua insistenza finalmente Jackson replica: «Non puoi capire. Qui i bambini sono diversi».
Wojciech Jagielski, reporter di guerra polacco che ha collaborato con «Le Monde», ha scritto un romanzo stupendo, che attinge a piene mani alla realtà dell’Uganda vittima della guerriglia e del fanatismo. Che si legge con un nodo alla gola, ma anche con il retrogusto amaro e terapeutico dell’onestà intellettuale nei confronti di una tragedia autentica: quella di bambini costretti a lasciare le proprie famiglie al crepuscolo e a rifugiarsi in città, per evitare le mortali scorribande dei terroristi nei villaggi; non meno straziante (in questi casi è difficile parlare di meglio e di peggio) della tragedia di quegli altri bambini, armati per uccidere al fianco dei paramilitari. Un salutare bagno di realtà, senza apologie né moralismi, una lettura veramente originale e benvenuta, stampata peraltro in una ottima edizione rilegata a filo. Pubblicato con il contributo dell’Istituto polacco per il libro.


W. Jagielski, Vagabondi notturni, ed. Nottetempo, 2014, pp. 420, euro 19.

Articolo precedenteRivolte del pensiero. Un saggio Bollati Boringhieri di Mario Galzigna
Articolo successivoJean Goss, l’apostolo della nonviolenza in una biografia dell’Editrice Missionaria
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.