[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«L’osservai: era una comune busta bianca con il mio nome sopra. M’alzai, presi il tagliacarte dalla scrivania e l’aprii. Lessi: FATTI I CAZZI TUOI O FARAI UNA BRUTTA FINE. Trasalii. La grafia era sciatta, confusa. “Chi te l’ha portata?” Camurro si fece prendere dal panico. Un Portanova arrabbiato doveva mettere paura pure a una bestia selvaggia. Figuriamoci a Camurro. “Nessuno. L’ho trovata davanti all’entrata – balbettò. – Qualcuno deve averla lasciata per terra»)

Siamo nella Siracusa del 1964, è giugno e ci sono circa 16 gradi nell’aria. A tutti gli abitanti del luogo, avvezzi a ben altro clima, è chiaro che quella temperatura polare reca con sé qualcosa che non va. La sera stessa, infatti, viene pescato al porto il cadavere di un ragazzo. Che non è morto in acqua, a quanto pare: la ferita alla gola dice che il giovane è stato gettato lì già morto…
seconda avventura per il commissario Portanova e per il suo autore, Alberto Minnella, agrigentino classe ’85 che – seppur con qualche imprecisione – porta avanti l’interessante esperimento linguistico di riprodurre sincreticamente sulla pagina la parlata della Sicilia intera. Con Frilli l’autore ha già pubblicato, nel 2013, Il gioco delle sette pietre, romanzo d’ingresso del commissario Portanova.


A. Minnella, Una mala jurnata per Portanova, ed. Frilli, 2015.

Articolo precedenteIl luogo della parola. Un nuovo libro Fara di Alessandro Ramberti
Articolo successivoIrredentismo adriatico
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.