Home Tags Fiabe

Tag: fiabe

C’era una volta la figlia di un Re, la quale era tanto bella, che in tutto il mondo non si dava l’eguale; e per cagione di questa sua grande bellezza, la chiamavano la Bella dai capelli d’oro, perché i suoi capelli erano più fini dell’oro, e biondi e pettinati a meraviglia le scendevano giù fino ai piedi.
C’era una volta un Re e una Regina che non avevan figliuoli e pregavano i santi, giorno e notte, per ottenerne almeno uno. Intanto consultavano anche i dottori di Corte.
Il dì ventiquattro dicembre fu chiuso a chiave il salotto, per impedire l’ingresso ai figliuoli del dottore Stahlbaum. Fritz e Maria stavano a sedere accanto, nell’angolo di una stanza remota.
Una volta il Canguro non era come lo vediamo ora, ma un Animale Molto Diverso, con quattro gambe corte. Egli era grigio ed egli era lanoso e di ambizione smisurata…
O fossero stanchi di aver giuocato troppo a moscacieca o veramente avessero voglia di leggere, fatto sta che quella sera i ragazzi presero ognuno un libro e se ne andarono in un angolo remoto del giardino.
Io conterò cose vere, e colpe solite pur troppo, ed una egregia virtù di oscura donnicciuola; ma tacerò i nomi veri ed i luoghi, sostituendone altri immaginati, non tanto per sottrarre al biasimo chi lo ha meritato, quanto per rispettare la modestia di chi è degno di molta lode.
Certe mie antiche carte narrano come migliaia e migliaia d’anni fa nella grande isola di Borneo regnasse un vecchio e savio Signore che ogni sua cura riponeva nell’assicurare ai suoi sudditi la felicità.
Racconta quel brav’uomo del Grimm che una volta un barocciaio si mise colle mani incrociate dietro la schiena a contemplare il suo vecchio asino; e ai racconti del Grimm bisogna credere, perché è uno dei più graziosi contastorie pe’ bambini.
Vicino alla sponda destra del Ticino poco più in su del ponte di Pavia c’è un padule. L’ombreggiano i pioppi italici dal fogliame d’argento…