[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«ALE ERA UN BAMBINO DI SETTE ANNI. UN GIORNO, VIDE DALLA FINESTRA I DUE GEMELLI BIG E BANG NELLA PIAZZA. ERANO MOLTO PREPOTENTI. DICEVANO A UN BAMBINO DI SCENDERE SUBITO DALLA SUA BICICLETTA PERCHÉ VOLEVANO FARE UN GIRO. ALE SI BUTTÃ’ SUL LETTO DELLA SUA CAMERETTA. PRESE IL PUPAZZO DEL SUO SUPEREROE PREFERITO: IL GRANDE “SUPERALDO”! LUI POTEVA SICURAMENTE SCACCIARE I GEMELLI DISPETTOSI!».
 
«Dalla finestra della cameretta di Ale si poteva vedere tutta la piazza del paese. Lì c’erano sempre Big e Bang, due terribili gemelli che terrorizzavano i bambini del quartiere. Anche Ale era un bambino e aveva paura di loro. “Eccoli là!” pensò, mentre i gemelli dicevano a un bambino di scendere dalla bicicletta perché volevano fare un giro. “Ma ecco che arriva Superaldo!” disse Ale, buttandosi sul letto. Prese in mano un pupazzo mascherato, con un mantello rosso e due lettere blu stampate, una S e una A. “Un colpo di karate, una mossa di judo e i due cattivoni sono messi in fuga. ben fatto, SuperAldo! meno male che ci sei tu…” continuò Ale, muovendo il pupazzo».
 

Un nuovo libro per bambini di Carlo Scataglini, insegnante specializzato di L’Aquila che ha al suo attivo oltre cinquanta pubblicazioni in volume per i più piccoli e per la didattica della scuola primaria. Vivacemente illustrato a colori da Pablo Torrecilla, è proposto dall’editore Erickson nella collana “Storie a testa in su e a testa in giù”: leggibile cioè in due versioni, per chi comincia (scritto in maiuscolo, più breve e semplificato) e per chi ha già cominciato da un po’ (scritta in caratteri grandi con stile ordinario; la differenza tra i due è visibile nelle citazioni d’apertura). La storia è seguita da una sezione di giochi dedicati a stimolare le abilità del piccolo lettore, ed è affiancata da un quaderno degli esercizi di 42 pagine di grande formato. Nella stessa collana: Gigantino e la guerra saporita e Topigno e la giungla da salvare.


C. Scataglini, SuperAle. Un supereroe niente male, ed. Erickson, 2014, pp. 100 + 42, euro 9,90 (libro e quaderno indivisibili).

Articolo precedenteKetama
Articolo successivoS. Mambrini, Pasti chiari, ed. Iacobelli, 2014
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.