[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«Dobbiamo esser riconoscenti alla Francia per aver coltivato il gioco con maestria e ispirazione. Da lei ho appreso a non prendermi sul serio se non al buio e, in pubblico, a prendermi gioco di tutto». Difficile – e pericoloso – generalizzare, ancor di più etichettare uomini, gruppi, nazioni intere. Ma se è vero che i popoli hanno un’anima propria, allora quella della Francia è vicina alla leggerezza: da quella della filosofia (tanto graziosamente affidata alla boutade) a quella più quotidiana e supericiale, «messa con talento nelle cose da niente». Il proverbiale buon gusto francese – estetico, culinario, ecc. – nasce da qui; e da qui, ancora, nasce il più grande merito (e il più grande peccato) della Francia: la socievolezza […]
Il romeno Emil Cioran alle prese con il Paese che lo ha ospitato, e che lui ha fatto proprio (a partire dalla lingua) fino a venir riconosciuto come uno dei più grandi scrittori in francese del Novecento. Alla ricerca di una propria nuova collocazione, e di punti di riferimento in una mentalità tanto diversa da quella natia, Cioran concepisce la Francia come una «società felice», che rifiuta il Mistero e la cui gente è nata per parlare: «da soli si annoierebbero». Una lettura piacevole e non impegnativa, che pur chiama in causa Novalis e Baudelaire, Shakespeare e Voltaire. Con un nutrito apparato critico, per la cura di Giovanni Rotiroti.


E. Cioran, Sulla Francia, ed. Voland, 2014, pp. 112, euro 13.

Articolo precedente«Catania» di Federico De Roberto
Articolo successivo666 il numero del pesce
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.