(voce di Luca Grandelis)

D’accordo: per stabilire che il tempo passa, è sufficiente avere un orologio al polso o appeso a una parete. Basta avere un calendario, per stabilire che i giorni scivolano via veloci uno dopo l’altro, che le settimane si corrono dietro senza mai fermarsi, che le stagioni sono quattro e che i mesi sono dodici, da gennaio a dicembre. Picalù, la piccola e simpatica protagonista di queste Storie per dodici mesi, ancora non sa come funziona l’orologio e non è capace di leggere bene il calendario: le basterà però seguire il trascorrere dei mesi e delle stagioni, guardando dalla finestra della sua cameretta, per capire i cambiamenti che avvengono nel grande parco pubblico dall’altra parte della strada.

Tre storie per ogni mese, caratterizzate dai suoni, dai colori, dai cibi e dagli eventi di ciascun periodo dell’anno. Alla fine di ogni mese, una scheda per passare dall’ascolto delle storie alla creazione di storie nuove, con figure da ritagliare, sceneggiature da completare e altri giochi. Un libro per ricordare ai bambini e anche agli adulti che il tempo della vita (qui rappresentato nel trascorrere dell’anno solare) non è un contenitore omogeneo da riempire di attività da cui «trarre profitto», ma un’occasione sempre rinnovata per incontrare l’unicità che ogni giornata contiene e ci offre. Fiabe che possono essere ascoltate dai bambini della scuola d’infanzia, o anche lette da quelli dei primi due anni della primaria. Formato 21×30 cm, con le illustrazioni di Paola Leonardelli.


Mauro Neri, Storie per dodici mesi. Racconti e attività ludiche per la scuola dell’infanzia e il biennio della scuola primaria, ed. Erickson, 2012, pp. 160, euro 18,50 (grande formato).

Articolo precedenteRom: poesia e arte
Articolo successivoFilosofia e dialogo
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.