[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Milton Manera è un giornalista. Cioè, era un giornalista: prima che la polizia lo trovasse in un bordello cinese a farsi fare dei «massaggi», scandalo che gli ha fatto perdere prima la reputazione e poi il lavoro. Lui se ne vergogna, certo; ma mai quanto si vergogni di quello attuale: fornire alibi. Un mestiere che si è inventato e che mette a disposizione quasi sempre di mariti fedifraghi incapaci di tenere a bada la gelosia delle consorti. Ha appena portato a termine un «incarico» da 3.000 euro, facendo credere alla moglie di un suo cliente che questi sia indaffaratissimo e che non potrà passare il fine settimana a casa (per forza: è già in viaggio con un’altra – ma questo non glielo ha detto), quando la donna precipita dal balcone e si schiata al suolo, sotto i suoi occhi. È stato certamente un omicidio; e lui le aveva parlato non più di cinque minuti primi. La polizia crederà a questa coincidenza? E a tutte le altre? Perché qui di coincidenze sembra che ce ne siano un po’ troppe: chi è quel ragazzo che si trovava sulla scena del crimine e che poche ore dopo è stato trovato impiccato a un albero? Come mai la casa di Manera è bruciata proprio nello stesso momento?
Questo noir diverte, con i suoi dialoghi vivaci e le sue situazioni improbabili e accattivanti. Ciò in cui non eccelle è il ritmo investigativo, frenato paradossalmente proprio dall’amore che l’autore nutre per i suoi personaggi e che lo porta ad attardarsi in preamboli troppo dettagliati; i quali, pur piacevoli in sé, finiscono per prendere il sopravvento. Detto questo, si tratta di una storia godibile e di una certa originalità, cui non mancano i contenuti essenziali del noir: Zancan ha tutte le carte in regola per tornare alla carica con un nuovo lavoro che, stavolta, faccia più attenzione anche al contenitore.


N. Zancan, Sono tutti bravi a morire, ed. Meridiano Zero, 2014, pp. 223, euro 14.

Articolo precedente“Senza proprietà non c’è libertà. Falso!”. Un libro Laterza di Ugo Mattei
Articolo successivoDove scappo? Un libro Iacobelli di Claudio Bosaia
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.