[display_podcast] (voce di Luca Grandelis)

La pretesa di una vita sessuale uguale per tutti […] ignora tutte le differenze, innate e acquisite nella costituzione sessuale degli esseri umani, e priva un considerevole numero di persone del godimento sessuale, diventando così fonte di grave ingiustizia.
S. Freud

Un altro volume della piacevole quanto maneggevole collana «Elementi» dell’editore PianoB, dal titolo Sesso, guerra, morte, dedicato agli scritti di taglio più filosofico di Sigmund Freud. Cinque i saggi proposti: «Caducità», «Sessualità e civiltà», «La morale sessuale ‘civile’ e il nervosismo moderno», «Sulla guerra e sulla morte», «Perché la guerra?» (carteggio con Albert Einstein).


S. Freud, Sesso, guerra, morte, ed. PianoB, 2011, pp. 110, euro 10.

Articolo precedenteGianna Manzini: «La sparviera” (1956)
Articolo successivoI video degli Stati Generali dell’Innovazione
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.