[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Siamo stati abituati dalla televisione – tanto nelle fiction quanto nei TG – all’immagine dell’assistente sociale come colui che accorre in aiuto dei minori quando vi siano dei problemi in famiglia. E basta. Ma la gamma degli interventi a carico del servizio socio-assistenziale è molto più ampia e va dalla tutela dei minori a quella di persone anziane o disabili; dai problemi delle famiglie in difficoltà a quelli dell’integrazione scolastica e lavorativa; fino a quelli degli immigrati e dei detenuti, della salute mentale e della dipendenza. Un servizio sociale che voglia operare professionalmente in tutti questi ambiti non può fare a meno né di conoscenze normative aggiornate, né di conoscenze tecniche approfondite: qui il manuale dal titolo Linee guida e procedure di servizio sociale, di Maria Luisa Raineri (ed. Erickson) si rivela prezioso quanto a chiarezza, esaustività ed esperienza sul campo. Un volume ponderoso ma di facile consultazione, ricchissimo di esempi e corredato di schede per facilitare l’apprendimento e l’uso-in-situazione.
D’altro canto l’operatore del servizio sociale non è né solo un burocrate né solo un tecnico; il suo lato umano è prezioso e costitutivo almeno quanto quello della competenza. Sarah Banks e Kirsten Nøhr, ben consapevoli della delicatezza dell’argomento – soprattutto relativamente a un contesto sempre più globale, rivolto a casi nei quali è difficile rintracciare schemi condivisibili universalmente – affrontano il problema dell’interculturalità nell’assistenza come una sfida per l’etica professionale, anziché come una barriera; e consegnano un testo a più voci che esamina i contesti più distanti (dalla Danimarca al Vietnam, dall’Australia alla Turchia) e disparati (dall’Alzheimer all’immigrazione irregolare, dalle adozioni per i gay al conflitto armato). Dal quale emerge una convinzione chiara: il servizio sociale è impossibile da codificare a priori in maniera esaustiva; allo stesso tempo, esso è anche sempre affrontabile, purché nell’ottica di un’etica professionale non dogmatica orientata alla «liberazione delle persone». Un libro notevole per la pregnanza dei contributi e come esempio di come la migliore teoria possa svilupparsi a partire dalle buone pratiche.


M.L. Raineri, Linee guida e procedure di servizio sociale. Manuale ragionato per lo studio e la consultazione, ed. Erickson, 2014, pp. 530, euro 35.

S. Banks e K. Nøhr (a cura di), L’etica in pratica nel servizio sociale. Casi e commenti in prospettiva internazionale, ed. Erickson, 2014, pp. 285, euro 24.

Articolo precedenteCattive abitudini. Poesia per immagini dall’editore Giuda
Articolo successivo«Io sono anaffettivo»: un nuovo video del progetto Teatro
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.