(voce di SopraPensiero)

Sandro è un uomo come tanti, uno della generazione dell’«autunno caldo» e del Concilio Vaticano II, che come tutti i suoi coetanei ha vissuto le ansie, le gioie, le illusioni e le delusioni di quella stagione e di quelle che l’hanno seguita. Non per la sua eccezionalità, bensì proprio per la sua rappresentatività come esponente «medio» di un’epoca, la sua storia merita di essere raccontata; ma non da sola, bensì nell’intreccio con un’altra storia interessante e misconosciuta: quella di Pietro, il primo degli apostoli di Gesù, ricostruita dai frammenti contenuti nei testi sacri e colmata all’occorrenza con la fantasia dell’autore, al servizio dell’omogeneità e della verosimiglianza.
Ne viene fuori Roccia. I primi e gli ultimi, di Sandro Stella (ed. Youcanprint), romanzo in cui la fa da padrone la riflessione sulla vicinanza – pur nella differenza – tra l’esperienza cristiana d’oggi e quella dei primi secoli, già alle prese con gli annosi problemi della dottrina, dei rapporti con la politica, dell’istituzione ecclesiastica.
Spontaneo e immediato, questo libro mostra che ci si può ancora appassionare al «sociale» nella nostra epoca devastata dall’individualismo.


Sandro Stella, Roccia. I primi e gli ultimi, ed. Youcanprint, 2013, pp. 350, euro 19.

Articolo precedentePappanoinWeb, edizione 2014
Articolo successivoCosì sei nato tu. Un nuovo libro Erickson di Alberto Pellai
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.