[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«I problemi costellano l’orizzonte esistenziale dell’uomo e il modo giusto per trattarli non è ignorarli ma avvicinarli, senza nessuna preoccupazione di saperli risolvere, ma con lo scopo di abituarsene. L’uomo si fa accosto ai problemi e vive degnamente la sua vita. […] Non ci illudiamo di risolvere i problemi. […] I problemi sono tutti irresolubili. […] Il vero problema è irresolubile ma è possibile all’uomo conviverci».

Contro la pretesa di fissare il reale nel razionale, Accattino prosegue la sua ricerca poetico-filosofica nell’ordine dell’effettività, proponendo una suggestione di vivere interrogante che non si irrigidisca nell’idea (ovvero, nella parola), ma sappia farne la leva di un’esperienza capace di entrare in relazione con la realtà, tanto nel trasformarla quanto nel saperla accettare. Il volume nasce come raccolta degli interventi che hanno animato gli incontri avvenuti alla fine del mese di ottobre 2013 presso il Museo della Carale di Ivrea dedicato alla poesia sperimentale visiva, dal tema: “Pensare oltre l’ostacolo della parola”. 26 autori per riflettere insieme “su un tema astratto, ma con una insospettata influenza sul vivere concreto”.


A. Accattino, L. Giuranna, Pensare oltre l’ostacolo della parola, ed. Mimesis, 2014, pp. 145.

Articolo precedenteSettant’anni ben portati: la nuova stagione di concerti IUC
Articolo successivoLibri inevitabili. Un saggio Cultura e dintorni di Mario Amato
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.