[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Parlare di sesso con i figli è molto complicato. Un po’ per la difficoltà tecnico-linguistica, un po’ per l’imbarazzo, un po’ perché non si sa mai bene «fin dove ci si può spingere» nella spiegazione. D’altro canto, nemmeno si può evitarlo o rimandarlo a tempo indeterminato: i bambini e i giovanissimi sono esposti in prima linea al fuoco delle cattive esperienze, di tanti traumi evitabili, delle malattie sessuali.
Quello che occorre ai genitori, in questi casi (cioè sempre), non è un grosso saggio di psicologia, ma un manuale di pronto utilizzo che – con parole semplici e grazie all’uso di qualche trucchetto – riesca a spiegare:
– ai genitori come e quando parlare di sesso ai propri figli, sia maschi sia femmine;
– ai ragazzi tutto ciò che è necessario sapere sulla contraccezione e sulle malattie sessualmente trasmissibili, liberandoli al contempo dalle tante «leggende metropolitane» che cominciano a circolare sul sesso già in età preadolescenziale.
Parlare di sesso con i propri figli. Renderli consapevoli per proteggerli, di Amber Madison (ed. Erickson), riesce a fare tutto questo. Anzi, di più, perché insegna ai genitori l’arte più difficile di tutte: quella di riuscire ad ottenere l’attenzione da parte dei propri figli, facendosi ascoltare.
Oggi la sfida dell’educazione sessuale non è più tra i genitori (con i loro consigli tassativi, ai limiti dell’ermetico, come quelli di una volta) e le amicizie (più o meno buone, più o meno informate); bensì tra la famiglia – che oggi ha molte più possibilità di incidere direttamente sulla formazione intellettuale ed emotiva dei piccoli – e un mondo sconfinato (in cui primeggia internet) pervaso di stimoli e informazioni di ogni genere. Per fortuna basta poco per essere all’altezza di questo compito tanto importante. Parlare di sesso con i propri figli è un ottimo punto di partenza.


A. Madison, Parlare di sesso con i propri figli. Renderli consapevoli per proteggerli, ed. Erickson, 2014, pp. 210, euro 16.

Articolo precedenteMorte di un autore. Un thriller Voland di Marija Elifërova
Articolo successivoTutto per un bacio
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.