(voce di SopraPensiero)

Questo secondo volume di Oscure regioni è la quinta uscita della collana “Memorie dal futuro”, riservata alle antologie personali di racconti che si sono distinti nei trofei letterari annuali dell’associazione RiLL (Riflessi di Luce Lunare: http://rill.it/) e completa l’impresa iniziata con la pubblicazione del precedente volume: viaggiare, lungo il percorso tracciato da venti racconti, , attraverso il lato oscuro del “Bel Paese”, ogni racconto una regione italiana, ogni regione una leggenda popolare tradizionale, ogni leggenda un nuovo brivido. Per ricordarci che l’orrore non viene da lontano (come già ammoniva, oltre un secolo fa, Edgar Allan Poe), ma è quanto mai vicino. Nel nostro animo, diceva il maestro americano, ma talvolta nel nostro territorio, così familiare da farci dimenticare quanto pauroso possa essere. Con l’introduzione di Alberto Panicucci.


L. Musolino, Oscure regioni, vol. 2, ed. RiLL, 2015.

Articolo precedenteMilano non ha memoria e Sangue nel Redefossi. Gli ultimi due gialli Frilli di Gino Marchitelli
Articolo successivoCanti digitali. Poesie Fara di Alberto Mori
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.