[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«Ho sognato di avere
il cervello percorso
da una lancia gettata
da qualcuno indistinto
e remoto… riuscivo
ad estrarla. Col cranio
perforato dal tunnel
luminoso e perfetto
senza tracce di sangue,
lacrimavo contento:

ero vivo e cosciente»
(Antefatto)

Alessandro Ramberti, poeta ed editore, è uno di quei rari casi in cui la soavità della poesia, soffice fino all’immateriale, è in grado di legarsi alla più dura ed eloquente concretezza. In questo poemetto in quartine ed endecasillabi si parla di Dio; o, meglio, si parla con Dio: quel Dio che anche quando non risponde in un discorso diretto, vis à vis, di un’immediatezza “chiara e distinta” (come l’uomo, sovente, lo desidererebbe), sa manifestarsi nella vita con una presenza, una forza, una testimonianza inequivocabili. Né un’opera di devozione né uno scritto rimato di sottigliezze teologiche: piuttosto, versi vividi e “saporiti”, per così dire, che sgorgano come irrefrenabile respiro di chi ha saputo stare a lungo nell’apnea del pensiero e nel silenzio della propria interiorità. L’opera è arricchita da numerosi disegni a matita e a carboncino. Con la Prefazione di Vincenzo D’Alessio e le Postfazioni di Alfonsina Zanatta, Ardea Montebelli e Gianni Criveller. Consigliato anche a chi non abbia familiarità con la poesia.


A. Ramberti, Orme intangibili, ed. Fara, 2015, pp. 78, euro 10.

Articolo precedenteDelitto alla Cappella Sistina. Un nuovo noir Frilli della coppia Giorgi-Schiavetta
Articolo successivo«Op. 53. Rhapsodie» di Brahms
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.