[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Napoli colera. Roma ladrona. Sicilia mafia, Italia spaghetti (o Berlusconi). Paese che vai, stereotipo che trovi. E che non riesci a sradicare né con mille controesempi, né con il ragionamento puntuale né ancora con la critica alla generalizzazione in sé. Quindi potrebbe non stupirsi nessuno al sentire «Calabria ‘ndrangheta»: eppure è ingiusto. Ingiusto nei confronti di quei tanti, tantissimi calabresi che criminali non sono. E se ne vantano. E fanno di tutto per combattere quel cancro che devasta il presente e cancella il futuro. Di quei tanti calabresi che rischiano in prima persona, rimettendoci del proprio. È mai possibile che un’intera regione d’Italia, ricca della sua tradizione, dei suoi sapori, delle sue tante bellezze non solo paesaggistiche […] debba venir ridotta non solo a un luogo comune, ma al peggiore fra tutti i possibili?
«Dire la verità senza marchiare tutti come si fa con il bestiame o con una stirpe maledetta»: questo l’intento di Alessandro Russo, giornalista, che dati alla mano mostra l’infondatezza e il danno di una stigmatizzazione che, paradossalmente, finisce per colpire i «buoni», quelli che col malaffare non hanno nulla da spartire e che spesso – in una realtà difficile come quella del sud Italia tarlato dalla criminalità organizzata – ne pagano direttamente le conseguenze, in un modo o nell’altro. Un libro che merita attenzione, proprio come il problema che affronta: perché le parole uccidono più delle schioppettate, si dice in quello stesso sud; e parlare dei problemi in maniera corretta è il primo passo per capirli bene e provare a venirne fuori.


A. Russo, Marchiati, ed. Sabbia rossa, 2014, pp. 152, euro 13.

Articolo precedenteLe investigazioni private in una guida operativa FAG
Articolo successivoL’ora dei compiti. Un manuale Erickson per tutti i genitori
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.