[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

A Fancuno può andarci chiunque: basta semplicemente passare sui colli di Valle del seme e prendere poi per Santo Stefano martire; lì – al confine con i comuni di Castelcapro e Sicignavia – si giungerà al paesino di tremila abitanti che, a parte il nome equivoco, ha tutta l’aria di essere un bel posto. Forse però questo è il momento peggiore per andarci: Fancuno è appena stato scosso da un serial killer che uccide con efferatezza e apparentemente senza nessuna regolarità; se non quella di lasciare dei bigliettini accanto alle sue vittime, tutti rigorosamente sgrammaticati e firmati «Sirial ciller». Ben presto ci si divide fra due sentimenti contrastanti: da un lato l’entusiasmo per una cosa che – seppur truce – è comunque una novità (e Dio solo sa se ce n’è bisogno da quelle parti); dall’altro, fa incazzare (e come dargli torto?) che l’unica notizia che abbia mai portato Fancuno al TG in prima serata […] debba riguardare proprio le gesta di un cretino e per giunta ignorante!
Diciamolo senza mezzi termini: Piedimonte è bravo. Si potrebbe annotare che un uso meno ristretto del dialetto forse gioverebbe (ma va bene così, nell’ambito di una geografia inventata come la sua); così come è contenuta la scurrilità (mai gratuita, sempre al servizio della narrazione e della spontaneità dei dialoghi). Uno scrittore svezzato dalla cronaca nera dei quotidiani, già alla sua terza esperienza narrativa con lo stesso editore. Meritati dunque tutti gli elogi a lui tributati, da Maurizio de Giovanni a «Vanity Fair»; e giustificata l’imponente campagna pubblicitaria messa in moto da Guanda. Un autore da tenere d’occhio.


S. Piedimonte, L’assassino non sa scrivere, ed. Guanda, 2014, pp. 252, euro 17.

Articolo precedenteSe dici guerra… Un libro Kappa Vu sull’affare delle spese militari
Articolo successivoCinema per piccini: Violetta, ecco la terza stagione!
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.