(voce di SopraPensiero)

D’Arco è un poliziotto. Morto. Ma, come si dice: se sei stato poliziotto, lo rimani per sempre. E infatti lui […] fa questo mestiere nella città dei morti: sovraffollata e mal messa come quella in cui ha vissuto «prima». E con lo stesso bisogno di chi indaghi, nel tentativo di fermare il crimine, almeno un po’. Ma questa volta è diverso: dalla città dei vivi hanno chiesto il suo aiuto, approfittando della conoscenza che ha dei morti (e di chi li ha resi tali). Ed è peggio: stavolta le vittime non sono semplici malcapitati, ma dei bambini. Non resta che attraversare la via di comunicazione tra i due mondi, e mettersi all’opera…
Un Moresco in versione postapocalittico-hardboiled, che non deluderà il suo pubblico di sempre – che gusterà l’atmosfera cupa fino al tetro e ricchissima di dettagli e sfumature – ma che potrebbe scolorire di fronte alle aspettative del pubblico di genere, abituato a un ritmo più sostenuto e già avvezzo a certi espedienti narrativi (come il bambino muto che scrive per terra con grafia tremolante). L’addio, concepito dall’autore come ultimo saluto a un pubblico che non è riuscito ad abbandonare, come previsto, alla fine de Gli increati. Dimostrazione che, anche se è vero che «essere scrittore non è uno status», non può che esprimersi tramite la propria scrittura.


A. Moresco, L’addio, ed. Giunti, 2016.