[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Il professore, dopo averci a lungo pensato, ha maturato la sua decisione: prenderà un anno sabbatico. È irrevocabile: lui pensa a lungo prima discegliere, valuta pro e contro da ogni angolazione, ma quando decide […] non c’è appello. Forse è una «testa dura», come dice qualcuno; o forse ha capito meglio degli altri che la sua aspirazione non può più aspettare: deve mettersi a scrivere. E i suoi alunni, che dice di amare al di sopra di ogni altra cosa? Sarà dura, ma li rivedrà l’anno prossimo. E come farà per dodici mesi senza stipendio? Tutto calcolato, ha già chiesto un prestito. L’impulso, ormai, non può più essere tenuto a freno: le cose tutt’intorno si sono fatte talmente gravi che il solo attendere un minuto di più sarebbe un delitto […]
Un libro fatto di storie, al plurale, ci tiene a sottolineare l’autore nell’Introduzione: non una narrazione lineare e velatamente autobiografica, bensì il resoconto intrecciato e schietto degli incontri avuti negli ultimi anni con discenti, colleghi, dirigenti, incaricati ministeriali; le impressioni, le conseguenze, le riflessioni. Soprattutto sul marcio che alligna a volte in quell’istituzione che chiamiamo scuola e che dovrebbe venir ritenuta sacra da tutti, anche solo per il fatto che è lì che i nostri figli apprendono in buona parte la vita e prefigurano il loro ruolo nel mondo. Per cui un episodio di corruzione in azienda o al comune fa schifo; ma fa scandalo (o, almeno, dovrebbe farlo) a scuola. Una scuola vista dall’interno nelle tante défaillance, ma anche nelle mille potenzialità che andrebbero risvegliate e rinvigorite. Da uno scrittore che, oltre a essere docente, è giornalista ed è stato sindacalista e formatore degli insegnanti.


T. Travaglino, La scuola bocciata. Viaggio nel lucido delirio della scuola italiana, ed. Dissensi, 2014, pp. 195, euro 14,90.

Articolo precedenteYes She Cannes, Romanzo Betelgeuse di Giulia Narciso
Articolo successivoIl lungo XX secolo. Uno studio economico-politico Il Saggiatore di Giovanni Arrighi
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.