[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«Quando gli economisti raccontano favole, del tipo «la crisi è finita» o «la ripresa è già cominciata», è giunto il momento di rivolgersi alle favole per capire l’economia». Luca Gallesi, autore di C’era una volta l’economia. Oro e lavoro nelle favole dal Mago di Oz a Mary Poppins (ed. Bietti) è chiaro fin dalle prime righe: la saggezza che l’umanità ha accumulato – nelle favole, nei miti, nelle storie che da sempre gli uomini si raccontano a vicenda e si tramandano attraverso le generazioni – e che nell’età della razionalità economica basata su numeri e grafici sembra smarrita […] va recuperata. Compito urgente e fondamentale, da portare avanti a cominciare da dove il messaggio è più chiaro e diretto: le favole, appunto.
Non è un caso che le favole – in ogni epoca, non esclusa l’attuale – abbiano sempre stigmatizzato senza appello l’avidità. Da Collodi ad Andersen, fino ai più noti bestseller per ragazzi, questa letteratura trabocca di esortazioni al senso della misura e all’amore per qualcosa che sia meno vile (e meno volatile) del denaro. Come mai l’economia – con la sua compulsione al consumo e alla crescita infinita – sembra poter fare a meno di questo insegnamento? La risposta sta probabilmente nei disastri che genera: dall’ultimo di essi, dopo ben sei anni, non ci siamo ancora ripresi. Non c’è razionalità senza saggezza, ricorda Gallesi; e non c’è saggezza senza la semplicità di quei racconti che – letti la sera ai bambini, seduti accanto al letto – sanno parlare ai grandi.


Luca Gallesi, C’era una volta l’economia. Oro e lavoro nelle favole dal Mago di Oz a Mary Poppins, ed. Bietti, 2012, pp. 90, euro 12.

Articolo precedenteProf, non capisci niente! Un manuale di sopravvivenza per insegnanti delle edizioni Erickson
Articolo successivoL’enigma delle anime gemelle. Un romanzo sceneggiato di Lucia Gilli
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.