[display_podcast] (voce di Luca Grandelis)

La morte data, di Mario Massimo (ed. Manni, 2009) è un libro d’altri tempi. Perché raccoglie racconti ambientati in epoche diverse. Ma anche perché è scritto con uno stile particolarmente poco contemporaneo, dall’incedere lento e sequenziale, quasi come se si trattasse di una maturazione (mentre lo stile odierno è per contro incline al frammentato, al concitato, all’immediato).
Le storie – ambientate come si diceva in epoche diverse, ma anche in luoghi dissimili e contesti affatto differenti, nei quali si parla spesso in dialetto, ora romano, ora napoletano, ora veneto – sono di per sé godibili, ma a leggerle con attenzione si ha quasi l’impressione che siano di sfondo (se non addirittura pretesto) per l’esercizio della lingua; il risultato cui l’autore sembra puntare non è tanto il climax della narrazione, bensì l’effetto acustico di certi passaggi come il seguente: «impressioni che non si affievolirono in Flavio Voreniano benché ormai già venisse condotto, caduta che fu finalmente la sera, in lettiga, a spalle, alla villa appartata fra uliveti e vigne dove la presenza del mare non aveva più l’esuberanza lebbrosa con cui, giù in città, erodeva intonaci e legni, ma si assottigliava a festone di azzurro bordato dai sassi candidissimi a riva, in distanza». Dove non sono le immagini o i significati a farla da padroni, ma i sibili e gli schiocchi delle parole usate.
Tuttavia non si tratta né di uno sfoggio né di un esercizio accademico e in fin dei conti irrilevante: quella di Massimo sembra più una ricerca, il tentativo di scrivere bene, con ricchezza e padronanza, ma senza sbavature o inutili ricercatezze. Ne è un esempio la bella descrizione di un giovane data nel racconto «L’altro viaggiatore»: «era giovane, senza che s’invigorisse in troppa pienezza un persistere di adolescenza nella calibratura del corpo, cui la sobrietà degli abiti sottraeva poco delle proporzioni, a organare masse muscolari ad un tempo duttili ed energiche; e ancora più ammirevolmente si scandivano, nel modellato angoloso di zigomi e mento, le labbra colme e il misurato rilievo del naso, il terso smeraldo degli occhi: non c’era che dire, un gran bel ragazzo. Di una indisponente attrattiva», in cui l’uso sfrenato (ma non indiscriminato) delle «s» e delle «z» prima, e successivamente delle «d», arricchisce il ritratto senza sommergerlo.
Storie memorabili e quotidiane, tra riflessioni filosofiche sulla vita e sulla morte. Una lettura insolita e piacevole.


Mario Massimo, La morte data, ed. Manni, 2009, pp. 190, euro 18.

Articolo precedenteRimirando con gli «Occhi di zagara». La trasposizione di Paolo Diodati al pianoforte de «la pioggia nel pineto» sottolinea l’intensità poetica di Paola Sarcià
Articolo successivoTour dei Mille: Milano
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.