[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Michele «Mike» Balistreri è un fascista di quelli neri, che sulla politica – come sulla vita – non scenderebbero mai a compromessi, perché non conoscono proprio di cosa si tratti; che ce l’ha con la politica di oggi non tanto perché abbia perso colore, quanto perché incapace di risolvere i problemi della gente, tutta dedita a darsi al magna magna istituzionalizzato. Siamo nel 2011, e a distanza di 10 anni il commissario Balistreri si trova a indagare su un caso del 2001 appena riaperto: che coinvolge lo psicanalista Giovanni Annibaldi, terapista di coppia, e Bianca Benigni, magistrato, la sua moglie «perfetta», duo la cui dinamica interna ricorda a volte quella della serie televisiva House of Cards, che funziona più per la salvaguardia dei reciproci interessi ed equilibri, che per uno slancio emotivo e affettivo genuino e autentico…
Il carattere del detestabile commissario, certo (la banalità dei cui ragionamenti sconfina spesso nel luogo comune e nell’apatia sterile e lamentosa; ciò che non lo rende meno accattivante, tuttavia, proprio come accade ad altri personaggi non dissimili: si pensi all’ispettore Coliandro); e tutto il sostrato del rapporto di coppia perfetto che non esiste, dell’amore vero che sfuma (e si perde) nella confidenza, la stabilità che prende il posto dell’infatuazione […] sono questi gli ingredienti – oltre a un intreccio solido e ben cadenzato – dell’ultimo romanzo di Roberto Costantini, le cui opere sono tradotte anche oltreoceano. Ma la vera protagonista è la lingua, un parlato romanesco marcato e pervasivo che strizza l’occhio a Gadda e si accompagna a una ricerca lessicale anch’essa spiccata (dove ad esempio un «gincana», tanto corretto quanto inusuale, emerge fin dalle prime pagine). Un libro ben scritto, dunque, dallo stile complessivo riconoscibile e interessante. La moglie perfetta è la porta d’accesso «facilitata» per chi si stia chiedendo se valga la pena di leggere anche l’intera Trilogia del Male (premio speciale Giorgio Scerbanenco 2014 quale migliore opera noir degli anni 2000). La risposta non può che essere: «Sì».


Roberto Costantini, La moglie perfetta, Marsilio, 2016.

Articolo precedenteIntervista ad Alessandro Rivali sulle lettere di Eugenio Corti durante la campagna di Russia
Articolo successivoBuchenwald. Una testimonianza concentrazionaria Frilli di Gilberto Salmoni
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.