[display_podcast] (voce di Luca Grandelis)

«Questo notevole libro di Alessandro Calabrese esamina analiticamente il modo con cui Panikkar elabora le condizioni ermeneutiche della comprensione interculturale e le basi epistemologiche e teoretiche del dialogo delle culture. […] Calabrese riesce a dipanare i fili di un discorso complesso e difficile perché espressione di un pensiero relazionale, che vorrebbe “presentare” […] non tanto “rappresentare” il reale nell’infinità delle sue sfaccettature e sfumature, anche conflittuali».
(dalla Prefazione di Giuseppe Cognetti)

Alessandro Calabrese, Dottore di Ricerca in Scienze filosofiche presso l’Università degli Studi di Siena, docente di filosofia e storia nei licei e redattore della «CIRPIT REVIEW», è autore di diversi articoli sulla filosofia interculturale delle religioni. In questo suo primo libro approfondisce l’idea panikkariana, mai sviscerata a sufficienza, dell’impossibilità di ricondurre 8e di ridurre) il reale al suo aspetto razionale (concettualizzabile) e della necessità di oltrepassare i piano intellettuale della descrizione per far posto a quello interculturale dell’esperienza. Conclusione fondamentale per la metafisica, ma ancor più necessaria e attuale per l’ermeneutica, dove l’incontro fra i popoli, le culture, le religioni è sempre più frequente e centrale.
Indice del volume: Prefazione – Introduzione – Parte I: Le questioni metafisiche – 1. il problema dell’Essere – 2. Il problema della verità – 3. La descrizione di una visione metafisica – parte II: L’ermeneutica del reale – 1. La narrazione cosmologica e antropologica – 2. Il problema del pluraklismo – 3. Elementi per la costruzione di una teoria della conoscenza – 4. Il dialogo – Conclusioni.


A. Calabrese, Il paradigma accogliente. La filosofia interculturale in Raimon Panikkar, ed. Mimesis-CIRPIT, collana Triquetra, 2012, pp. 140, euro 14.

Articolo precedenteIl libro degli universi. Guida Mondadori ai mondi possibili
Articolo successivoAlfredo Panzini: «La lanterna di Diogene” (1907)
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.