[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«Era un incantesimo questo sogno: non so dire quanto tempo restai lì, sospesa alla mia immaginazione. Il tempo di una pipì, credo. No, più a lungo… Più a lungo, perché all’impovviso lui spalancò con forza dall’esterno lo sportello del mio lato e si catapultò su di me come un randagio, come un orso famelico, un animale eccitato dalla carne fresca della sua preda.»

Io non ho sbagliato, romanzo di Onofrio Pagone (ed. Giraldi) è la storia di un amore. Di un errore. E di tutto quello che discende, da queste premesse, nella vita della protagonista-narratrice, tra ricordi, ripensamenti, recriminazioni, più o meno piccole e insospettate solitudini.

Onofrio Pagone (Bari, 1960), giornalista, ha lavorato per l’agenzia Ansa ed è stato inviato di guerra in Somalia e in Albania. Nel ’98 gli è stato conferito al Quirinale il «Premio Saint Vincent di Giornalismo» per i suoi servizi di cronaca sull’esodo biblico di profughi albanesi lungo le coste pugliesi.


Onofrio Pagone, Io non ho sbagliato, ed. Giraldi, 2016.

Articolo precedenteCartolina da… Rocco Ballacchino
Articolo successivoNote biografiche su Giovanni Battista Ermacora
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.