[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Rosa, che vive in un paesino al centro di una valle, è una ragazza gentile e bella. Pietro, il falegname, è un suo amico, che la guarda spesso con gli occhi luminosi dell’innamorato. Un giorno anche lei si innamora, così decidono di andare a vivere insieme; e dal loro amore nasce una bambina dalla foltissima capigliatura di fili di seta e chicchi di riso, che la madre chiama Risolina. La bambina cresce sana e bella, tra l’amicizia con i compagni di scuola e i racconti della madre, che le ha detto spesso di quella volta che un chicco di riso magico, andatole di traverso, era finito nel suo pancione dove lei, Risolina, era in attesa di nascere. Solo che quella sua splendida particolarità rischia ora di diventare un problema: qualche amico ha cominciato a prenderla in giro e a trattarla male, per via dei suoi strani capelli […]
Alberto Pellai, medico, psicoterapeuta e ricercatore presso la facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Milano, è autore di numerosissimi libri, molti dei quali per bambini, quasi tutti pubblicati con l’editore Erickson. La storia di Risolina, simpatica e immediata, è pensata come strumento di riflessione sul valore della diversità e può essere utilizzata a scuola nell’ambito di percorsi integrazione e di prevenzione del bullismo. Con allegato CD-audio indivisibile, contenente la favola e alcuni suggerimenti educativi.


A. Pellai, Il tesoro di Risolina. Una storia sul valore della diversità, ed. Erickson, 2014, pp. 72 a colori. Con le illustrazioni di Tiziano Beber e CD audio indivisibile.

Articolo precedenteIl bene nelle cose. Un saggio Il Mulino di Emanuele Coccia
Articolo successivoSottopelle. La vita di Pietro Barcellona in un libro Castelvecchi
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.