[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Al calar del sole, in un giorno di confine tra l’estate e l’autunno, il professore di economia passeggia sul lungomare di Marsala, prima di rientrare in albergo per unirsi nuovamente ai partecipanti al convegno su globalizzazione e welfare. È tardi e già sta per tornare all’auto blu che lo aspetta quando vede, in lontananza, un uomo che declama solitario una poesia al vento, seduto su uno scoglio. La curiosità – o forse si tratta di una forma di attrazione nuova e insospettata? – lo vince e il professore, incurante di tutto il resto, gli si avvicina per chiedergli cosa stia facendo. Il solo vederlo, tuttavia, rivela già il suo essere fuori dall’ordinario: e i due si mettono ben presto a discutere insieme del passato di quell’uomo – di come abbia perso, in quattro e quattr’otto, la moglie, il lavoro e quasi anche la speranza – del presente dell’economia capitalistica e del futuro dell’umanità […]
Un pamphlet di critica al capitalismo sulla questione fondamentale della centralità dell’uomo e dello spirito malsano e venefico del dio denaro, che mette insieme la sapienza classica e quella moderna, le religioni e le filosofie d’Oriente e d’Occidente, in un miscuglio non banale ma nemmeno granché originale, in cui la figura del professore finisce già dalle prime pagine per fare nient’altro che la spalla del protagonista intento al suo lungo monologo. Al lettore si offre una prova d’erudizione che spazia dalla Bibbia alla Rivelazione del Buddha, dal Corano a Dante, da Leopardi a Edgar Allan Poe, i cui riferimenti sono talvolta interessanti e – qui e lì – da meditare.


M. Jevolella, Il segreto della vera ricchezza, ed. Urra, 2014, pp. 112, euro 10.

Articolo precedenteAutori di pubblico dominio dal primo gennaio 2014
Articolo successivoBanksy. Una biografia illustrata edita da L’Ippocampo
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.