(voce di SopraPensiero)

A dispetto dei tanti slogan sulla «morte della famiglia», tipici di quegli anni ’60 e ’70 che contestavano in particolare l’autoritarismo educativo e il tradizionalismo dei valori veicolati ai figlia dai genitori (nel tentativo – secondo l’«accusa» – di conservare all’infinito la società nel suo stato attuale), la famiglia vive oggi una stagione, per così dire, di grande successo. Da un lato, infatti, essa riesce a mantenersi solida in un momento in cui tutte le altre istituzioni – la scuola, la sanità, la politica, perfino le Chiese – pèrdono autorevolezza e a volte identità; dall’altro, si rafforza grazie alle rivendicazioni di chi vorrebbe allargarne la forma e l’accesso (si pensi alle battaglie in favore del riconoscimento delle coppie omosessuali e di fatto).
In più, tutto ciò avviene nell’era del prodigioso e controverso passaggio dalla famiglia «etica» (quella in cui i ruoli della madre e del padre erano rigidamente distinti e quest’ultimo dettava i valori ai figli, spesso in maniera intransigente) a quella «affettiva», nella quale la crescita emotiva dei figli è vista come il primo obiettivo e in cui i padri si «maternizzano» (spesso con la conseguenza – non necessaria – di un indebolimento pernicioso dell’educazione morale dei piccoli e dei giovani).
Ciò che emerge dal complesso scenario qui tratteggiato è che la famiglia, in un modo o nell’altro, è la grande protagonista dell’educazione della nostra epoca. Con tutti gli interrogativi che questo reca con sé: è meglio essere accoglienti o severi con i propri figli? Fino a che punto bisogna controllarli? Il ruolo educativo della famiglia. Essere genitori nella società contemporanea, a cura di Dario Bacchini (ed. Erickson) prova a rispondere a queste e a tante altre domande, grazie al contributo di autori qualificati e dotati di grahde esperienza sul campo. Per un’educazione familiare all’altezza delle possibilità e dei rischi di questo tempo.


D. Bacchini (a cura di), Il ruolo educativo della famiglia. Essere genitori nella società contemporanea, ed. Erickson, 2013, pp. 170, euro 18,50.

Articolo precedenteL’ultima dimora di Minosse. Mito e archeologia ad Agrigento in un libro di Rosamaria Rita Lombardo
Articolo successivoVent’anni contro: dall’eredità di Falcone e Borsellino alla trattativa
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.