[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Il sesso è l’origine della vita: sembrerebbe che debba trattarsi della cosa più naturale, semplice e «normale» che ci sia; fors’anche la più bella. Eppure per molte persone non è così. Inibizioni psicologiche (magari legate a traumi infantili), divieti morali o religiosi, condizionamenti sociali o disturbi clinici possono determinare una condizione di disagio o perfino di anomalia nella vita sessuale che si ripercuote, oltre che sul singolo, sulla relazione della coppia.
Michele Giannantonio, nel suo Il piacere delle donne. Come affrontare e risolvere le problematiche sessuali e affettive (ed. Erickson) cerca di parlare del problema con la massima chiarezza dal punto di vista delle donne, affrontandone i risvolti a 360 gradi (pur senza scantonare in ambiti che non siano quelli propri dello psicoterapeuta) e sottolineando che 3 sono le qualità fondamentali (e dunque irrinunciabili) in quest’ambito: l’attenzione, il rispetto e la complicità. Dall’esame critico dei pregiudizi più diffusi in materia («Il sesso è roba da giovani»; «L’iniziativa dev’essere sempre del maschio», ecc.) a quello delle piccole cose che non vanno, con tanto di esercizi pratici.

Sommario: Opinioni errate o distorte sulla sessualità umana – L’apparato sessuale femminile – Il ciclo della risposta sessuale femminile – I disturbi sessuali femminili – Rilassare il corpo e la mente – I pensieri tossici e i loro antidoti – Conoscere il proprio corpo e la propria interiorità – Ridurre le emozioni e le sensazioni negative – La fantasia – Il piacere – L’abuso sessuale infantile – Se da sole non ce la fate.


Michele Giannantonio, Il piacere delle donne. Come affrontare e risolvere le problematiche sessuali e affettive, ed. Erickson, 2013, pp. 260, euro 16.

Articolo precedenteDare forma e corpo ai senzatetto resi ‘invisibili’ dalla povertà
Articolo successivoAvenir du communisme. L’ultimo libro di Maurice Bellet
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.