[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Il tema della morte in filosofia non è mai passato di moda; ma ultimamente sta conoscendo una nuova fioritura degli studi (è recentissima ad esempio la riedizione aggiornata del classico di Edgar Morin L’uomo e la morte). La morte come la fine di tutte le cose; come ciò che solo dà senso e compiutezza all’esistenza (e l’uomo come «essere per la morte»); come momento di passaggio a «vita migliore»; pensata, declinata, vissuta in tanti modi diversi nel corso della storia, essa trova tutti d’accordo su un punto specifico: come l’uomo è anche – ma non solo – un animale, per cui tutto ciò che fa è caratterizzato da una certa umanità, anche la morte non è scindibile dal modo in cui l’uomo la concepisce e ne fa esperienza. Per questo tutte le grandi narrazioni, tanto religiose quanto laiche, non possono evitare di farci i conti […]
Questo volume, appena edito da Marcianum Press, presenta il dialogo avvenuto in apertura del Convegno Internazionale dal titolo «Il morire tra ragione e fede: Universi che orientano le pratiche di aiuto», che ha visto contrapporsi (serenamente, ma senza esclusione di colpi) il filosofo Emanuele Severino e il cardinale Angelo Scola, accomunati dalla visione dell’eternità ma divisi sulla questione cruciale del suo fondamento: l’eternità è da ricercarsi nella resurrezione di Cristo, o piuttosto nella speculazione razionale sulla natura dell’Essere? Un bell’esempio di come si possa fare filosofia in maniera vivida e vivace, senza per forza impelagarsi in astrusità o in trattazioni lunghe interi tomi. Agli interventi degli oratori segue il dibattito tra i due, con la bella introduzione dei curatori, Ines Testoni e Giulio Goggi.


Emanuele Severino, Angelo Scola, Il morire tra ragione e fede, ed. Marcianum Press, 2014, pp. 100, 2014.

Articolo precedente«Gli ultimi giorni di Goldoni» di Valentino Carrera
Articolo successivoAllena-mente. Un libro Erickson con 200 giochi per bambini
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.