[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

«Come si sente un bambino di nove anni quando viene a sapere della sua condizione da un compagno di classe? Ecco, qui c’è il dramma, ma anche la soluzione. Il Segno grande. In effetti, nonostante questa epifania possa sembrare tragica, alla luce della fede rappresenta un momento importantissimo, che, anche se passa attraverso un coetaneo, mette chi recepisce questo segno in condizione di aspettare un Salvatore.» (Roberto Battestini)
«Un’avventura / attraversare le dure prove della solitudine / della pazzia / della paura. / Lenzuolo e sudario che ti abbraccerà / e ne sarai divorato. / Conosci le voci per invocare gli spiriti / ti risponderanno le litanie delle cicale e / il richiamo degli uccelli.» (David Aguzzi)

A dispetto dell’illusione del Solo, che crede cartesianamente di poter fondare da sé la propria soggettività, facendo tabula rasa di ogni cosa, l’essere è intriso di realtà, quella realtà che precede ogni soggetto; lo fonda; lo connota e lo rende forte fino a poter dire – con assurdità, ancor prima che con ingratitudine: – “Io mi sono fatto da solo”. Primo indice del paradosso, la lingua, segnata fino alla radice dei luoghi che la coltivano e la nutrono. Nulla di più opportuno, insomma, oggi – nella nostra epoca scientista – di una riflessione a più voci sulla parola e sul luogo, sul rapporto, sull’incontro, sul reciproco superamento. Il volume costituisce l’antologia dei contributi originali presentati alla kermesse irpina dello scorso marzo. Con la sapiente cura di Alessandro Ramberti.


A. Ramberti (a cura di), Il luogo della parola, ed. Fara, 2015.

Articolo precedenteLiber Liber compie 21 anni
Articolo successivoUna mala jurnata. L’ultimo noir Frilli di Alberto Minnella
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.