[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Il commissario Lolita Lobosco si trova al San Nicola: la partita è decisiva per il Bari, ne va della promozione in serie A. Ma lei non è tifosa; e no, non è neanche in servizio. Be’, in realtà non è lì neanche per caso: la sua amica Marietta le ha chiesto il favore di lasciarle casa libera per qualche ora, per potersi incontrare con il suo amante (anch’egli poliziotto). C’è però un piccolo imprevisto: all’improvviso – e sul più bello – il trentaduenne capitano della squadra barese, Domenico Scatucci, si accascia sul campo e vi giace stecchito. Una morte che lascerà parlare di sé per un bel pezzo nel capoluogo pugliese. E che solleverà più di qualche domanda: fatalità? Doping? Omicidio? O c’è qualcosa di ancora più grosso che si agita dietro agli spalti del calcio italiano?
Gabriella Genisi è un’autrice brava, che – al di là del giallo – ha saputo mettere su carta il connubio cibo-sesso di cui si è alimentato tanto cinema negli ultimi lustri imprimendolo nella figura di una gendarme dalla grande prontezza di riflessi e di nessuna pazienza, facile a prende fuoco (in tutti i sensi) e con un linguaggio tutto suo. La storia – non è la prima per Lolì – è interessante e ora, sapendo che sarà Micaela Ramazzotti a interpretarla sullo schermo, la si legge inevitabilmente fondendo le due figure (e l’effetto ci sta bene). In appendice le ricette del commissario, dai Capunti alla verza alla Tiella di riso patate e cozze (e zucchine).


G. Genisi, Gioco pericoloso, ed. Sonzogno, 2014, pp. 190, euro 12.

Articolo precedenteIl miraggio della libertà. La storia del Caucaso in un libro Einaudi
Articolo successivoSe dici guerra… Un libro Kappa Vu sull’affare delle spese militari
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.