[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Ho avuto la fortuna di ascoltare, pochi giorni fa, una presentazione di Fratelli (fumetto edito da Bottero) direttamente dalla voce di Roberto Battestini. Che sa essere intenso e accattivante nelle descrizioni a voce ma – non c’è dubbio – lo è ancor di più in quelle a matita.
L’autore, fratello di R. e P. Battestini, che negli anni ottanta diedero vita all’omonima banda, tragicamente celebre per le sue rapine nel perugino con tanto di omicidio a sangue freddo, ripercorre in questa graphic novel gli eventi dell’epoca – gli scontri con le forze dell’ordine, l’itinerante detenzione, lo scandalo e la croce della famiglia – da una prospettiva soggettiva resa acuminata e penetrante dal senso di colpa e di inadeguatezza, e dall’amarezza di chi sa – anche nel suo personale riscatto – che tutto avrebbe potuto essere diverso. E migliore.
Visionario e incalzante con un tratto – che sembra ispirarsi ora a Gimenez, ora a Will Eisner – discontinuo nello stile per assecondare le esigenze del ritmo narrativo, Fratelli è un’opera che colpisce allo stomaco in maniera sempre nuova e mai banale. Adatto – anzi consigliato – a tutti (dai 15 anni in su).


Roberto Battestini, Fratelli, ed. Bottero, 2009, pp. 200, euro 22.

Articolo precedenteCara TV con te non ci sto più. Intervista ad Alberto Pellai sulla critica di Mario Lodi alla televisione
Articolo successivoFronti interni. Esperienze di guerra lontano dalla guerra, 1914-1918
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.