[display_podcast] (voce di Luca Grandelis)

Nasce con il lodevolissimo e attuale intento di avviare un dialogo costruttivo tra saperi eterogenei alla comune ricerca della verità – la fisica e la matematica, da un lato; la filosofia e la teologia, dall’altro – il volume curato da Roberto Presilla e Sergio Rondinara dal titolo Scienze fisiche e matematiche. Istanze epistemologiche e ontologiche (ed. Città nuova, 2010).
Autorevoli i contributi, provenienti da diverse aree di studio (Dipartimenti universitari di scienza e di filosofia, Università cattoliche, Istituti internazionali) tra i quali si distinguono – oltre a quello del curatore Rondinara («La modellizzazione in fisica e in teologia») gli interventi di Gennaro Cicchese (breve ma intenso, su «L’interpretazione del reale, tra linguaggio/i e ontologia»), Giuseppe Tanzella-Nitti («I fondamenti filosofici dell’attività scientifica»), Alberto Strumia («Condizioni per un corretto dialogo tra scienza e teologia»).
Con tanti spunti d’interesse: dal compito della filosofia nel millennio dell’interculturalità e dell’interdisciplinarietà alla (im)possibilità di un linguaggio universale; dall’uso e dal significato della matematica in Aristotele e Rosmini alla sua rilevanza ontologica; dalla portata dell’etica insita in ogni impresa scientifica (al di là di vuoti slogan come «la scienza per la scienza») alla possibilità di pensare i propositi etici come fondamenti piuttosto che come limiti (fondamenti che la scienza può dare a se stessa con l’aiuto della filosofia, senza indebite ingerenze); dall’idea di un incontro tra le scienze e le teologie in un punto di sintesi al tentativo di individuare uno spazio in cui ripensare, completamente da capo, un cammino comune.
Rivolto perlopiù ad addetti al settore (cui offre una panoramica vasta ed erudita), ma in grado di suscitare la curiosità anche del neofita (per la centralità e il fascino delle questioni sollevate), il libro si distingue per l’audacia pionieristica nel tentare un nuovo approccio alla realtà (che il filosofo catalano Raimon Panikkar chiamerebbe «teofisico») basato sull’idea che tutte le forme del sapere, anche quelle che appaiono più distanti e inconciliabili, possano e debbano progredire insieme.
Il volume raccoglie gli Atti dei due convegni realizzati dal SEFIR (Scienza E Fede sull’Interpretazione del Reale) nel 2005, rispettivamente su «Istanze epistemologiche e ontologiche delle scienze matematiche» e «Istanze epistemologiche e ontologiche delle scienze fisiche», sponsorizzati dalla Conferenza Episcopale Italiana.


R. Presilla e S. Rondinara (edd.), Scienze fisiche e matematiche. Istanze epistemologiche e ontologiche, ed. Città nuova, 2010, pp. 300, euro 22.

Articolo precedenteLa cultura Rom a Milano
Articolo successivoIl libro segreto di Shakespeare di John Underwood
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.