[display_podcast] (voce di Luca Grandelis)

Un buon libro di filosofia può venir dato alle stampe anche da un autore esordiente, per una piccola casa editrice: è il fortunato caso di Ilaria Boeddu, che pubblica Nelson Goodman. Uno sguardo analitico sull’arte contemporanea (ed. Dell’Orso, 2009), realizzato con il contributo dei fondi del MIUR e dell’Università di Genova. Al centro della cui riflessione troviamo l’estetica di Nelson Goodman – filosofo della tradizione analitica – che l’autrice spinge in due direzioni: nell’approfondimento della concezione dell’opera d’arte (resa ulteriormente problematica dall’avvento delle più recenti tecnologie digitali e multimediali) e nell’utilizzo dell’estetica in sede epistemologica ed ontologica (operazione cardine del costruttivismo di Goodman).
L’esposizione è molto lineare e tocca i sistemi simbolici e i rapporti tra i mondi e i linguaggi, il «fare mondi» (espressione che in inglese dà il titolo alla più celebre delle opere di Goodman – Ways of Worldmaking – tradotta in italiano con il titolo di Vedere e costruire il mondo) e l’inesistenza delle cose in sé. Boeddu risponde alle obiezioni mosse al costruttivismo e valuta le proposte del filosofo con equilibrio, sapendo prenderne le distanze al momento opportuno, riuscendo a condurre il lettore verso le più interessanti concezioni di Goodman, quali l’arte come forma di conoscenza e lo sfatamento del «mito dell’occhio innocente». Ne emerge una proposta teoretica feconda e realistica (molto più di un certo sedicente realismo), radicale fino al provocatorio e in grado di affermare che «la natura è un prodotto dell’arte e del discorso».
L’autrice ha le idee chiare circa i temi trattati, conosce bene la bibliografia di riferimento (in italiano, inglese e francese) e sa essere anche spiritosa (nel titolare un paragrafo sulla situazione storico-critica dell’opera d’arte «lo stato dell’arte»). Erudito senza essere pedante, questo libro è consigliato senza meno a chiunque sia interessato al tema, ma anche a chi intenda cimentarsi per la prima volta con il pensiero di Nelson Goodman.


I. Boeddu, Nelson Goodman. Uno sguardo analitico sull’arte contemporanea, ed. Dell’Orso, 2009, pp. 150, euro 16.

Articolo precedente“La sentinella del fortino abbandonato” di Monica Ferraioli
Articolo successivoLibrInnovando: il futuro dell’editoria è a rischio?
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.