[display_podcast] (voce di Luca Grandelis)

«To’, il futuro è tornato. Non è che me l’abbiano restituito. Più che di furto si era trattato di smarrimento, ma si sa, quando sei incazzato per prima cosa cerchi un colpevole e di un furto è sempre colpevole qualcun altro. Il futuro scompare quando hai in mente un futuro. Uno solo. Quando si dissolve, però, compaiono gli altri. Ma occorre vederli. Dunque il fatto che tua figlia sia disabile cancella tutta una categoria di futuri, non il Futuro, che come tale compare proprio perché hai una figlia».

Un libro nato in forma di diario, che si propone come un romanzo. Un padre e una figlia alle prese con la vita, il tempo, il proprio posto del mondo (o «quel che ne resta»), tra la città e il torrente, l’aeroporto e le sue luci. Dove il racconto spumeggiante viene cadenzato da una riflessione pacata, quasi sovrappensiero, in cui la malinconia si impossessa a tratti dell’entusiasmo, ma la gioia non soccombe all’amarezza. Intenso e mai sopra le righe. Con la Prefazione di Andrea Canevaro.

Igor Salomone, consulente pedagogico, fondatore dello Studio Dedalo, vive e lavora a Milano. Scrittore e docente universitario a contratto, ha pubblicato: Il setting pedagogico (1999) e Il segno dell’altro (2003). In internet: igorsalomone.net.


I. Salomone, Con occhi di padre. Viaggio intorno a quel che resta del mondo, ed. Erickson, 2011, pp. 150, euro 15.

Articolo precedenteGuido Piovene: «Lettere di una novizia”, 1941
Articolo successivo“Flessibilità: il lavoro contemporaneo tra trasformazioni socio-economiche e politiche del lavoro”, di Antonella Trini
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.