[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Da sempre le città, nel bene e nel male e con tutti i loro pregi e difetti, sono «motori primi» del progresso (anch’esso nelle sue molte accezioni, tanto positive quanto negative) e acceleratori di ogni forma di novità, intellettuale, materiale, sociale. In questo gigantesco meccanismo di sviluppo – dove i cittadini si sentono a un tempo protagonisti e, in un certo senso, legittimi proprietari della vita della città – capita che alcune delle forze in gioco tendano a monopolizzarne a proprio vantaggio le dinamiche, riducendo quelle opportunità che fino a poco prima erano a disposizione di tutti. Così accade ad esempio che gli spazi pubblici si riducano sempre di più a favore di quelli finalizzati al profitto privato (si pensi al proliferare dei centri commerciali); e qui può accadere che i cittadini – che si sentono defraudati – si ribellino, in maniera anche imprevedibile e violenta.
Non c’è bisogno di tornare con la mente ai tempi di Napoleone III per capire di che stiamo parlando: basti pensare al nostro recentissimo Occupy Wall Street, o alle rivolte londinesi di qualche anno fa.
David Harvey, nel suo ultimo Città ribelli (ed. Il Saggiatore) analizza la tensione tipicamente «urbana» fra chi abita la città sentendola propria e che – magari a distanza di migliaia di chilometri – cerca di sfruttarne le risorse per nessun altro motivo che l’arricchimento personale. Capitalismo e città sono in certo modo e in certa misura antitetici? Un tema a noi così vicino che val la pena di approfondirlo.


D. Harvey, Città ribelli. I movimenti urbani dalla Comune di Parigi a Occupy Wall Street, ed. Il Saggiatore, 2013, pp. 220, euro 20.

Articolo precedenteL’uomo superfluo. Un saggio Nutrimenti di Ilija Trojanow
Articolo successivoEstela Carlotto. Storia della nonna di Plaza de Mayo in un libro edizioni ANordEst
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.