(voce di SopraPensiero)

Nella poesia di Caterina Trombetti pensieri e sensazioni scorrono tra i versi, dettati da un’ispirazione che descrive l’esistenza senza esitazione, rivelando il cuore sincero e impegnato dell’autrice. Lontana da ogni forma di intellettualismo, l’arte della poetessa fiorentina esprime il sopraggiungere dei sentimenti, senza però permettere alla loro intensità di svilire il contenuto, che resta ricco di riflessioni sulla condizione umana e sui messaggi che trasmettono le componenti della natura. È questa totalità e pienezza di concetti elaborati da un’ispirazione che raggiunge l’empatica con l’oggetto poetico, caratteri sempre presenti nelle poesie di Caterina Trombetti, che aveva colpito il maestro Mario Luzi, legato a lei fin da quando lesse la sua prima raccolta “Il pesce nero” (Poggibonsi, Lalli Editore, 1990).  Un’amicizia sopravvissuta con il passare degli anni, fino alla morte del poeta nel 2005, caratterizzata da un continuo rapporto intellettuale non solo nella poesia (Luzi dal 1990 ha scritto tutte le prefazioni delle raccolte della Trombetti), ma nell’interesse in generale per ogni forma d’arte.

Professoressa Trombetti, cosa le ha dato l’amicizia intellettuale con Mario Luzi? «La frequentazione di Mario Luzi ha certamente sviluppato le mie capacità poetiche, mi ha permesso di prendere piena padronanza della forma e dei contenuti delle mie opere. Attraverso la sua valorizzazione ho imparato a crescere condividendo con lui pensieri e emozioni, per raggiungere la maturità poetica.»

Qual era la personalità di Luzi? «Era un uomo molto attivo. Corridore negli anni dell’università, fino a che ha potuto non ha mai rinunciato a fare attività fisica. Chiunque lo conosceva rimaneva colpito dal suo portamento nobile e dalla sua grande disponibilità, che lo spingeva a prendere a cuore i problemi degli altri.

La sua dialettica era essenziale, ma estremamente comunicativa; di fronte a ogni argomento o discussione arrivava sempre al nucleo del tema, per elaborarlo con poche parole, ma sufficienti ad aprire una prospettiva completa e originale.

A livello letterario la sua poesia, dagli esordi alla piena maturità e agli ultimi lavori, come i suoi lettori sanno, è stata caratterizzata da una costante crescita, un continuo potenziamento delle capacità espressive e della finezza stilistica.

Il suo rapporto con Luzi si esauriva all’interesse per l’arte? «Direi di no. Oltre a frequentare spesso in mia compagnia mostre e ambienti culturali, era nata l’abitudine di festeggiare con me e i miei familiari le festività e in molte occasioni veniva a trovarci a Montalcinello, dove ho una casa di campagna  adatta per rilassarsi e riflettere e dove è stata apposta una targa nel Vicolo dei Poeti nel centenario della sua nascita, in omaggio alla sua presenza in quei luoghi. Mario Luzi era di origine senese e nel borgo medioevale con il suo carattere rurale ritrovava l’essenzialità del paesaggio della sua terra.

Insieme a lui e al pittore Ugo Maffi nel 2001 ho realizzato il volume “Montalcinello. I tuoi cieli, i tuoi ruscelli”, edito da Il bracconiere, di Milano. L’opera comunica la freschezza della natura del luogo e le profonde emozioni che trasmette.»

Lei è stata un’insegnante, quindi sa bene quanto sia importante trasmettere i valori della poesia. Continua ancora a lavorare nelle scuole? «Porto avanti un progetto nelle scuole secondarie di primo grado. È  un’età, quella dei preadolescenti, in cui non è facile far accogliere la poesia e con i metodi tradizionali, quindi facendo imparare le liriche a memoria o lavorando solo sulla struttura metrica, non si riesce a colpirli. Ho maturato un’esperienza di queste difficoltà e preferisco lavorare prevalentemente sui contenuti, perché comprendano che la poesia è l’espressione dei sentimenti di chi scrive, nasce dal cuore e ha come intento comunicare la totalità delle emozioni. Se gli studenti lo capiscono, imparano ad apprezzare la poesia, fino a sentire la necessità di provare a esprimersi in versi. I ragazzi che partecipano al mio progetto si impegnano con piacere anche nella stesura di liriche e di calligrammi.»

Ha partecipato di recente a iniziative culturali? «In questo mese di marzo sono stata impegnata in varie iniziative, sia per il ricordo di Mario Luzi che per presentazioni delle mie poesie. Il primo marzo, presso la biblioteca Luzi (inaugurata cinque anni fa nella zona di Firenze dove si trovava l’abitazione del poeta, a Bellariva), ho ricordato il maestro con un mio intervento dal titolo “Il passo instancabile di Mario Luzi”. Il giorno precedente, il 28 febbraio, anniversario della sua morte, avevo preso parte alla giornata organizzata dalla Regione in Suo ricordo. L’8 marzo, nel pomeriggio organizzato dal Foyer degli Amici della Lirica nell’Auditorium della CFR, ho letto le mie poesie accompagnata dalla musica composta ed eseguita dall’arpista Antonella Natangelo, appositamente per i miei testi. Il 21 marzo, per la Giornata della Poesia nel Mondo, ho partecipato ad un incontro pubblico organizzato dal comune di Merano e dall’artista Marco Nereo Rotelli, insieme alla poetessa rumena Magda Carneci e alla scrittrice Elena Filippi. Rotelli, amico di Mario Luzi,  aveva realizzato una edizione d’Arte“Venezia”, molto originale nella forma, perché di dimensioni assai grandi, che contiene, oltre alla poesia autografa di Luzi dedicata a Venezia, anche un intervento di Massimo Cacciari.». In questi giorni è uscito un mio libro, una selezione delle poesie dai miei libri precedenti, con testo a fronte in inglese nella traduzione di David Tammaro, edito da Thedotcompany.

Nelle parole di Caterina Trombetti si coglie la profondità di un artista, che parlando mantiene la delicatezza della poesia. La stessa capacità che distingueva la dialettica di Mario Luzi. Chi scrive desidera concludere con il ricordo del maestro, che ebbi la fortuna di conoscere quindici anni fa, quando pubblicai la mia prima raccolta di poesie. Fu il direttore della casa editrice a chiedermi di intervistare Luzi, che mi ricevette nella sua casa di Bellariva con cordialità e disponibilità. Parlammo della sua attività culturale e di poesia, in particolare del perché l’uomo fin dall’Antichità aveva sentito il bisogno di esprimersi in versi e di come questi potessero comunicare un messaggio universale, capace di sopravvivere allo scorrere del tempo. Con il suo linguaggio essenziale, ma incisivo, Luzi mi diede una lezione che non potrò mai dimenticare.

 

CATERINA TROMBETTI è nata a Firenze e vive a Scandicci. Insegnante di lettere e pedagogista, si è laureata all’Università degli Studi di Firenze, dove ha conseguito anche il Diploma di Perfezionamento in Traduzione Letteraria. Poetessa e scrittrice ha pubblicato vari libri di poesia, tra questi L’obliqua magia del tempo ed. Polistampa, Fiori sulla muraglia ed. Passigli, Dentro al fuoco ed. Passigli, oltre ad edizioni d’arte realizzate da pittori sulle sue poesie. Da anni è attiva nelle scuole per la promozione, l’ascolto e la sensibilizzazione degli studenti verso la poesia. Negli anni 2001, 2005, 2006 è stata invitata a Tunisi, Mosca ed Algeri per la “Settimana della Lingua e Cultura Italiana nel Mondo” ed ha partecipato alla Biennale di Venezia per La notte dei poeti. Ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione di Scandicci Cultura ed è socio onorario del Centro d’Arte Modigliani. Amica e collaboratrice del poeta Mario Luzi, è stata anche sua assistente al Senato, dopo la nomina a Senatore a vita.

Sito web:  www.caterinatrombetti.com        Email: caterinatrombetti@gmail.com

 

SHARE
Previous article5 per mille 2017
Next articlePasticceria Gruè a Roma: gusto, arte e cura

Giampaolo Giampaoli nasce a Lucca il 12 febbraio del 1973. Pubblica la sua prima raccolta “Diario di poesia” per l’Editrice Prospektiva, a cui segue “Frammenti”, silloge in ebook realizzata per l’Associazione Cesare Viviani. All’impegno nella poesia si affiancano le collaborazioni per varie riviste letterarie on line con le recensione delle sue letture.
Recentemente ha pubblicato in ebook una nuova raccolta di liriche dal titolo “La qualità dei sentimenti” sul sito letterario www.poesieinversi.it