[display_podcast] (voce di Luca Grandelis)

Cos’hanno in comune bicchieri di plastica, fogli di carta, forbici, colla, nastro adesivo, gomma, matita, compasso, squadra, righello, colori? La matematica.

È questa la sorprendente intuizione che Robert Ghattas spiega nel suo Bricologica. Trenta oggetti matematici da costruire con le mani (ed. Sironi): si può parlare di matematica divertendosi nel realizzare forme, giochi, rompicapi colorati; ovvero si possono realizzare, con materiali semplici e poco costosi, passatempi istruttivi basati sulla matematica.

L’autore presenta una galleria di idee eleganti e facili da trattare (ma di rado elementari: l’esecuzione ha bisogno spesso un certo impegno, anche nella comprensione, pur senza richiedere grosse quantità di tempo o competenze specialistiche). Dai nastri di Moebius alle tessere di Penrose, dagli origami al caleidoscopio, viene illustrato il modo per costruire oggetti anche utili, come un calendario in cartoncino, o come nelle piramidi fatte con gli stuzzicadenti (utilizzabili per decorare l’aperitivo, con olive o cubetti di formaggio sugli spigoli), o ancora di trecce in cuoio da indossare.

Un libro per la famiglia, con il quale figli e genitori possono giocare tutti insieme attorno a un tavolo con l’intelligenza e la manualità che la televisione e il computer ci fanno dimenticare di possedere, ma che non abbiamo perduto. Leggere per credere.


R. Ghattas, Bricologica. Trenta oggetti matematici da costruire con le mani, ed. Sironi, 2011, pp. 160, euro 20, formato 20×19 cm.

Articolo precedente“Flessibilità: il lavoro contemporaneo tra trasformazioni socio-economiche e politiche del lavoro”, di Antonella Trini
Articolo successivoPiccole modifiche al layout di Pagina Tre
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.