(voce di Luca Grandelis)

Un thriller pulp noir esoterico horror. Impossibile sintetizzare con meno parole il fumetto Black Kiss di Howard Chaykin, autore di opere come Star Wars e Wolverine, oggi edito in Italia da Magic Press.
Invano, attraverso i dodici capitoli, ci si affanna a ricercare il filo rosso del racconto, credendo di averlo trovato ora nella trama poliziesca, ora nella continua riproposizione esplicita del sesso, ora nella critica al perbenismo borghese. La verità è probabilmente quella colta da Pasquale Ruggiero, autore del progetto editoriale, nella sua Postfazione al volume: Chaykin non ha puntato a fare nient’altro che divertirsi il più possibile scrivendo, senza rifuggire dall’oltraggio – anzi ricercandolo apertamente e a tutto spiano, finendo per prendersela con le istituzioni, con la religione, perfino con i sentimenti e con lo stesso buon senso.
Eppure quello che ne viene fuori è molto di più che un ammasso di invettive o di immagini a effetto dalla cornice sgangherata: perché Chaykin ha del talento, sia come grafico sia come sceneggiatore, e riesce a mettere in piedi una storia coesa dall’impatto visivo fortissimo e repentino. Chi non ama le emozioni farà meglio a lasciar perdere: difficilmente potrà dimenticare Dagmar, la ragazza «con qualcosa in più».


Howard Chaykin, Black Kiss, ed. Magic Press, 2012, pp. 140, euro 15.

Articolo precedenteConcorso docenti 2012-2013. Tre libri Erickson per prepararsi al meglio
Articolo successivoPatrizia Garofalo. Conversazione con Paolo Ruffilli su «natura morta»
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.