Dopo essere tornato sui palcoscenici in varie città europee, da Amsterdam a Sofia, Barcellona e Madrid, il musical “Jesus Christ Superstar” l’8 agosto sarà rappresentato al “Teatro Grande-La Versiliana” di Marina di Pietrasanta a Lucca, nella nuova versione del regista Massimo Romeo Piparo. L’opera rock di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, che nel 1973 ispirò la trasposizione cinematografica di Norman Jewison, è riproposta in una versione fedele al testo originale, attraverso cui gli autori stanno dando prova a livello internazionale delle potenzialità del teatro italiano.

Veste i panni nel ruolo di Cristo Ted Neeley, il Gesù degli anni Settanta che rivela ancora una volta il suo stretto legame con l’opera a cui deve la fama, ma come nel musical originale il protagonista resta Giuda, interpretato dal brasiliano Nick Maia, e di conseguenza la narrazione degli eventi segue il suo punto di vista. Per Maria Maddalena, il terzo personaggio centrale su cui ruota la storia, è stata scelta Simona Distefano.

La rappresentazione, interamente cantata e per questo considerata a tutti gli effetti una Rock opera, narra gli ultimi sette giorni di vita di Gesù, che appare lontano dall’immagine tramandata dai Vangeli, privo degli attributi divini che lo hanno reso l’iniziatore della religione che da lui prende il nome. Quello di Neely, come gli appassionati della sua opera ricorderanno, è un Gesù estremamente umanizzato, che prova le paure e subisce le indecisioni di ogni uomo, in crisi di fronte alla prospettiva di sacrificarsi per l’umanità. Il momento di debolezza nel giardino dei Getsémani ricordato dai testi sacri, caratterizzato dalla frase che il Figlio rivolge al Padre “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice” (Luca, 22, 42) nel musical diviene una lunga sofferenza che un Gesù umanizzato e quindi fin dagli anni Settanta più facile da comprendere per un pubblico giovane e culturalmente libero dai legami della religione, affronta nel periodo cruciale della sua vita.

Anche il messaggio non ha subito alterazioni. Un inno in note moderne di musica rock alla fratellanza, una riscoperta dell’umanità e dell’amicizia che deve lasciare un segno nello spettatore. Quest’ultimo oggi come in passato non può assistere senza che in lui qualcosa cambi in positivo ascoltando un richiamo a fare proprio l’esempio della vita di Cristo, ma anche l’esperienza di Giuda che, lontano dall’assumere una connotazione negativa, appare umano, sofferente e combattuto quanto il suo maestro. Come quando leggiamo una poesia, oppure vediamo un quadro significativo o ascoltiamo una profonda melodia, in forma concisa quando apprezziamo un qualsiasi genere di arte e ne traiamo un insegnamento universale.         

Riportiamo la programmazione del “Teatro Grande-La Versiliana” per il mese di agosto

01 Le donne di Giacomo Puccini

02 Vittorio Sgarbi Leonardo Da Vinci recital

03 Francesco Tesei In the game

04 Anna Oxa Voce sorgente

06 Il lago dei cigni

08 Jesus Christ Superstar

09 Orietta Berti in concerto

10 Edoardo Bennato

11 Enrico Lo Verso Metamorfosi – altre storie oltre il mito

12 Loredana Bertè Amiche sì

13 Fabrizio Moro live

14 Giancarlo Giannini Puccini, la passione tra poesia e danza

15 La bella addormentata

16 Mogol racconta Mogol

17 Show con Fabrizio Diolaiuti Intervista al cervello

18 e 19 Momix alla Versiliana

20 Benji e Fede

21 Maurizio Battista Scegli una carta

22 Voci dal cortile di Edna Mazya

23 Insomnia di Beppe Grillo

25 Il mercante di Venezia con Andrea Buscemi

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“La guerra e la pace” di Lev Nikolaevič Tolstoj
Articolo successivo“Rosamunde, D 797” di Schubert
Giampaolo Giampaoli nasce a Lucca il 12 febbraio del 1973. Pubblica la sua prima raccolta "Diario di poesia" per l'Editrice Prospektiva, a cui segue "Frammenti", silloge in ebook realizzata per l'Associazione Cesare Viviani. All'impegno nella poesia si affiancano le collaborazioni per varie riviste letterarie on line con le recensione delle sue letture. Recentemente ha pubblicato in ebook una nuova raccolta di liriche dal titolo "La qualità dei sentimenti" sul sito letterario www.poesieinversi.it