Ignazio Settesoldi è un uomo dalle tante personalità. È un uomo di successo, per i più, di quelli che sanno come fare soldi e nessuno capisce come. È un marito devoto per la moglie e un padre amorevole per la sua bambina. Uno qualunque, napoletano che vive in Costa Brava, per la cronaca. E poi è il Re Leone, il killer della camorra che, latitante da anni, è un pensiero fisso per la polizia internazionale e un incubo per le sue vittime. Il suo è uno di quei mestieri ion cui l’imprevisto la fa da padrone: così, fatalmente, al suo rientro a Napoli per un nuovo “lavoro”, le cose si mettono male e lui dovrà fare i conti con con qualcosa di più che una semplice perdita di tempo… e con il suo passato, ciò che da sempre ha lasciato in sospeso rimandandolo “a tempi migliori”. Come facciamo tutti. Perché Ignazio Settesoldi è uno di noi. Se non si nota subito è solo perché la sua furiosa criniera può essere accecante…
Un noir a tinte marcate come in un fumetto a china di Miller questa nuova opera di Al Gallo, “P.T. Perdita di tempo”, brillante autore napoletano di cui abbiamo già avuto occasione di parlare (https://www.paginatre.it/online/indian-napoli-intervista-ad-al-gallo/) e che in questa sua seconda uscita in volume, dopo Indian Napoli (ed. Graus) dà prova di aver intrapreso un percorso di crescita intellettuale e stilistica molto promettente. Il tono deciso e i dialoghi asciutti e pregnanti ne fanno un ottimo candidato per una riduzione TV.


Al Gallo, P.T. Perdita di tempo, ed. Homo Scrivens, 2020.

Acquista presso il sito dell’editore

Articolo precedenteDopo il Covid 19 il mondo tornerà a mangiare italiano?
Articolo successivo“Gabriele D’Annunzio” di Alfredo Gargiulo
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.