[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Valentino Giacomin è un insegnante elementare di Treviso in pensione che ha creato un metodo educativo nuovo, tutto suo; e ora, dopo dieci anni di sperimentazione nella scuola pubblica italiana, si trova in India, ad applicarlo con i bambini. È il Progetto Alice: che prendendo spunto da Alice nel paese delle meraviglie, invita a non attenersi solo al buon senso e a ciò che «si deve», ma ad esplorare il mondo e le cose lasciandosi anche un po’ andare a ciò che si è e a ciò che si sente; non in un turbinio emozionale caotico e frammentario, ma in una conoscenza di se stessi che permetta di accedere a una sana e realistica percezione della propria soggettività-nel-mondo, anziché a una ipertrofica e illusoria pretesa di oggettività (quando non di onnipotenza) tipica di certi approcci filosofici e scientifici che – per concentrarsi sulla parte – finiscono per perdere di vista il tutto.
Gloria Germani è una intellettuale fiorentina impegnata su più fronti, dal dialogo interculturale e interreligioso (in particolare tra Oriente e Occidente) alla decrescita economica, dalla critica aspra alla scienza (quando dimentica la sua legge fondamentale: «Sii sempre al servizio dell’uomo, non procedere mai per curiosità fine a se stessa») all’educazione nella società globalizzata, quest’ultima tema fondamentale del libro, toccante e ricchissimo di spunti fertili che l’autrice – peraltro esperta del pensiero di Tiziano Terzani e Raimon Panikkar – presenta con la giusta dose di elaborazione filosofica. Con la Prefazione del Dalai Lama.


G. Germani, A scuola di felicità e decrescita: Alice Project, ed. Terra Nuova, 2014, pp. 173, euro 14.

Articolo precedenteScienziati troppo avanti. Un saggio Odoya sulla verità nelle scienze
Articolo successivo«Dopo il divorzio» di Grazia Deledda
Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e 5 libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore (2021); – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.