[display_podcast] (voce di SopraPensiero)

Pubblicato Il piccolo santo di Roberto Bracco.

Dall’incipit del libro:

Con questo dramma, io tento — ancora — un’arte che sembra troppo vaga a chi non ha voglia di concedermi una percezione acutamente alacre e a chi, pur essendo disposto a concedermela, non ha la facoltà di acuire il suo pensiero nell’esercizio della trasmigrazione verso il pensiero altrui. Gli elementi essenziali, che compongono, in quadri brevi, la mia nuova opera scenica, non hanno quasi mai una diretta e consona espressione, perché risiedono nel fondo della esistenza di creature le cui parole e i cui atti non corrispondono alla loro psiche se non molto oscuramente e ambiguamente o addirittura ne divergono come i rami dal fusto. Il dissidio continuo, che si determina, or più or meno profondo, or più or meno inconsciamente, fra la psiche delle creature da me immaginate e le loro manifestazioni, costituisce l’invisibile filo conduttore dello sviluppo drammatico ed implica l’impossibilità assoluta di esporre il doloroso contenuto del dramma nella esteriorità dell’azione. E appunto questa impossibilità, che sùbito mi si parò innanzi quando la novella visione cominciava a sorgere, mi ha attratto cimentandomi e mi ha indotto a non destinare l’abbozzo della mia fantasia al limbo delle opere che pensai e cautamente non scrissi. Ahimè! […] Il mio povero Piccolo Santo non poteva aspirare a un simile destino […].