Home Liber Liber LiberMusica Bartók. “Rapsodia n° 2”
The Rite Of Spring. Ignác Ujváry

Bartók. “Rapsodia n° 2”

231

La Rapsodia n. 2, Sz. 89 e 90, BB 96, è la seconda delle due opere virtuosistiche per violino e pianoforte, successivamente arrangiate con accompagnamento orchestrale, scritte da Béla Bartók. Fu composta nel 1928 e orchestrata nel 1929. La versione orchestrale fu rivista nel 1935, e la versione con pianoforte nel 1945.

È dedicata al violinista ungherese Zoltán Székely, che in seguito divenne il primo violinista dell’Hungarian String Quartet nel 1937, due anni dopo la fondazione dell’ensemble.

Bartók evidentemente compose entrambe le rapsodie puramente come un gesto personale, piuttosto che su commissione, e lo fece senza dirlo a nessuno finché non furono entrambe completate. Secondo il violinista Zoltán Székely, lui e il compositore si incontrarono un giorno nel 1928 e, dopo aver chiacchierato per un po’, Bartók annunciò improvvisamente che aveva una sorpresa per lui, e produsse i manoscritti delle due rapsodie, che nessun altro aveva precedentemente visto.

Entrambe le rapsodie esemplificano un modo di comporre usando fonti di musica contadina, descritte da Bartók come prendere una melodia esistente e aggiungere un accompagnamento insieme a del materiale introduttivo o finale, in modo tale che la nuova materia composta sia strettamente secondaria, senza mai competere con il materiale popolare per il risalto.

Questo era riconosciuto nelle partiture delle prime edizioni, che portavano il sottotitolo “Danze popolari”. L’obiettivo di Bartók era quello di trapiantare l’intero stile del violino est-europeo nel contesto concertistico occidentale. Per portare avanti questo progetto, insistette affinché Szigeti ascoltasse le registrazioni originali sul campo da cui erano state trascritte le melodie.

La Rapsodia usa gli stessi movimenti accoppiati lento-veloce (lassú-friss) del popolare verbunkos ungherese (danza di reclutamento).

Note tratte e riassunte da Wikipedia
https://en.wikipedia.org/wiki/Rhapsody_No._2_(Bartók)

Organico: violino solo, ottavino, 2 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti, clarinetto basso, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, trombone, basso tuba, timpani, cassa chiara, triangolo, piatti, grancassa, pianoforte, celesta, arpa, archi.

Scarica gratis: Rapsodia n° 2 per violino e orchestra, Sz. 90 di Béla Bartók.